giovedì 1 settembre 2016

A volte mi soffermo a guardare le persone.
Mi colpiscono alcuni tratti, soprattutto gli occhi e le mani.
Ascolto molto, perché a me non piace parlare.
Chiudo gli occhi e mi lascio trasportare dalle sensazioni e dal tono della voce.
Poi penso, immagino situazioni e fra tutte queste persone, scelgo le più belle e le porto a far parte della mia vita.
Alcune sono solo di passaggio, ma altre ci resteranno per sempre.




Nessun commento:

Posta un commento