sabato 2 agosto 2014

Il diavolo e l'acqua santa.

Quando i messaggi e le telefonate non sono più sufficienti a colmare il desiderio di presenza, non resta che fissare un incontro.
Si trattava di trovare la giusta soluzione che potesse soddisfare le comuni esigenze, giorno orario, luogo.
Lui, puntuale come sempre, di una precisione maniacale, Lei arrivò con qualche minuto di ritardo.
Il suo sguardo, timido, impacciato, lasciava presupporre una timidezza inaspettata. Eppure si era fatto un'idea di Lei completamente diversa. Sicuramente più affascinate rispetto alla foto che aveva visto.
L'uomo la fissò intensamente durante tutta la cena. Lei non taceva un secondo, forse per nascondere l'iniziale imbarazzo, ma il feeling cresceva col passare dei minuti.
Di quell'incontro gli rimase impresso nella mente, il profumo di lei, il suo sapore ed i segni lasciati sul petto da alcuni delicati graffi .


Nessun commento:

Posta un commento