domenica 19 maggio 2013

"Una festa bagnata"

Attorniato da una folla gioiosa, guardandoti pensavo: “Ma lo sai che sei una gran maleducata?”
Sono qui ai tuoi piedi, bagnato dalla pioggia scrosciante e mi volti le spalle.
Mi basterebbe uno sguardo, un piccolo gesto d’intesa ed invece resti li immobile, racchiusa nel tuo silenzio e m'ignori.
Certo, tu lo fai con classe, con grande eleganza direi, hai delle spalle ben tornite, dei lineamenti tipici di una venere, frutto di un sapiente lavoro. 
Ti ho modellata usando pezzi del mio cuore infranto, ti ho rivestita di un tappeto di nuvole ti ho amata molto, mia creatura e tu ora altera fieramente ti mostri a tutti dall’alto del piedistallo sul quale ti ho posta.


Nessun commento:

Posta un commento